Recensione in anteprima “Flawed – Gli imperfetti” di Cecelia Ahern

CYMERA_20160805_153803Ciao a tutti amici,

oggi vi parlo del primo capitolo della nuova serie Distopica Young Adult firmata Cecelia Ahern, autrice pluripremiata dei romanzi bestseller per adulti P.S I love You e Scrivimi Ancora, da cui sono stati tratti dei film. Il romanzo di cui vi parlerò oggi è Flawed – Gli imperfetti, edito De Agostini.

Buona lettura 😉

trama

9788851139902_25a35a8490626d83f9041e9a90e6cc1c
Titolo: Flawed. Gli imperfetti Autrice: Cecelia Ahern Editore: De Agostini Pagine: 416 Prezzo cartaceo: euro 14,90 Prezzo ebook: euro 6,99 Data di uscita: 13 settembre 2016 FLAWED #1

In un futuro non molto lontano, il giudice Crevan conduce una spietata guerra contro l’immoralità.

È lui e lui solo a decidere chi è un cittadino modello, e chi invece è un “imperfetto”, un essere Fallato da marchiare a fuoco con una F sulla pelle e da allontanare dalla società civile.

Celestine ha diciassette anni e non ha mai avuto dubbi sul suo ruolo nel mondo: è una figlia perfetta, una studentessa perfetta, ed è anche una fidanzata perfetta. La fidanzata di Art, il figlio del giudice Crevan. Ma un giorno tutto cambia. Celestine vede un Fallato in fin di vita e sente di doverlo aiutare. D’un tratto tutto ciò che ha sempre ritenuto giusto non lo è più. Perché la compassione è più forte. Più forte della legge e delle rigide regole del giudice Crevan. Celestine decide quindi di aiutare il pover’uomo e quella decisione cambia la sua vita in un attimo.

Allontanata dalla famiglia, arrestata e umiliata, la ragazza viene trascinata in processo davanti a Crevan. E proprio lui, incurante delle suppliche di Art, la condanna a essere marchiata a fuoco come Fallata. Sarà durante il processo che la strada di Celestine incrocerà quella di Carrick Vane, un Fallato misterioso e affascinante: l’unico amico su cui d’ora in poi Celestine potrà contare.

Flawed series:
1. Flawed (Flawed. Gli imperfetti)
2. Perfect (in lingua originale nel 2017)

recensione

PhotoGrid_1473506007743

Dichiaro ufficialmente di essere sempre più innamorata del genere distopico. Ahimè devo anche ammettere che questo è il primo romanzo che leggo di Cecelia Ahern, lo so, lo so, dovrò rimediare al più presto; ma avendo visto il film P.S. I love you, bellissimo ma triste, avevo deciso di non leggerli perché sono “anti libri tristi”. Pretendo il lieto fine.

Questo libro è stato un WoW assoluto. Grande Cecelia. Sto già iniziando a prepararmi psicologicamente per il futuro giorno in cui andrò a vedere il film al cinema. Se sarà all’altezza del libro, ma non lo è nessuno. Eh si miei cari, diventerà presto un film per la Warner Bros, e spero rispettino la descrizione del libro.

Il romanzo è ambientato in un futuro dove alcuni Stati hanno preso precauzioni contro le “criminalità” troppo eccessive. Eccessive per motivi futili. Vi è una condanna specifica ad ogni crimine specifico, e a fare da giudice condannatore è la Gilda, una nuova istituzione formata da un tot di giudici che, come davanti ad un tribunale vero e proprio, esaminano i crimini, elaborano e decidono di che condanna si è macchiato il povero accusato. Uno dei più importanti giudici è Bosco Crave, conoscente e vicino di casa della famiglia di Celstine.

Le condanne, per la maggior parte, consistono nei marchi. Avete presenti i marchi che si fanno sul sedere delle mucche? XD quelli. Esistono cinque marchi, tutti uguali nella sulla forma – una F di FALLATO/A; La tempia, in caso di decisione sbagliata. La lingua, in caso di menzogna. Il palmo della mano destra, in caso di furto ai danni della società. Il petto, all’altezza del cuore, in caso di slealtà nei confronti della Gilda. La pianta del piede destro, in caso di deviazione dalle regole imposte dalla società. Vi sono molte, moltissime regole da seguire.

Flawed è stato paragonato a Divergent, ma io mi chiedo… perchè? non ha niente a che fare con Divergent, beh a parte le fazioni, ma quello è in tutti i distopici. E in questo romanzo le fazioni sono solo due, i fallati, discriminati ingiustamente da tutti o quasi, e i non – fallati.

In questo romanzo, la nostra protagonista è Celestine – diciassettenne figlia di un padre di colore e una madre bionda con occhi azzurri – fotomodella; Io come suoi genitori ho immaginato tutto il tempo Heidi Klum e Seal… ops sto tergiversando troppo. Celestine, taciturna con la testa sulle spalle, è la figlia prodigio che tutti vorremo avere, bellissima, molto educata e un piccolo genio a scuola. Fidanzata da pochi mesi con il suo migliore amico nonché vicino di casa, nonché figlio del famosissimo giudice Crave.

PhotoGrid_1473506616331

Art è il ragazzo perfetto, bellissimo e gentile. Loro sono perfetti insieme. Ilarità, amore e intelligenza.

Se dovessi descrivere Art e ogni momento trascorso insieme, la prima parola che mi verrebbe in mente sarebbe perfetto.

Un giorno, qualcosa viene a turbare la felicità del vicinato, una persona vicina a lei sarà condannata a essere Fallata, e la motivazione è alquanto discutibile.

Da quel momento in poi, Celestine inizierà a guardare e giudicare i fallati in modo diverso, più come persone normali e bisognose che come gentaglia da cui stare lontana come le era stato inculcato dallo Stato. Una decisione diversa, un piccolo aiuto ad un povero anziano in fin di vita – Fallato; la farà andare sotto accusa davanti al tribunale, davanti alla persona che fino a pochi giorni prima riteneva quasi un padre. Il mondo di Celestine verrà capovolto, e da ragazza perfetta che tutti la reputavano, sarà guardata e giudicata come la ragazza che ha aiutato un fallato – quindi fallata anch’essa. Nell’attesa di essere portata davanti ai giudici, Celestine, dovrà passare del tempo dentro una cella detentiva, in cui conoscerà Carrick, un ragazzo molto taciturno che attende anche lui di essere giudicato.

PhotoGrid_1473513592167

Questo libro è stato per me… l’ansia, di non sapere cosa aspettarmi il capitolo dopo. Tutto è andato molto a rilento, infatti i primi capitoli per me è stato come essere su una nuvola. Relax totale, anche se arrivati ad un certo punto mi sono detta, succederà qualcosa spero… e poi, Bum! E’ scoppiato tutto, e io non volevo più fermarmi. Avrei voluto non finisse mai. Comunque tutto il libro in sé procede con una calma lancinante, ma che non reca alla vostra lettura, quasi nessun fastidio. Ripeto che, non trovo l’annesso della somiglianza con Divergent, due libri dello stesso genere ma totalmente diversi. Divergent era tutto una corsa infatti. In questo momento la prima preferenza slitta nettamente su Flawed, e spero che il finale di questa serie non somigli minimamente a quella di Divergent, altrimenti mi rovinano le fantasie XD.

Penso a Carrick, alla sua abilità nel leggere ogni i comportamento: una volta che il suo sguardo scuro si è posato sul bersaglio, non lo molla più; ne attraversa la superficie e ne coglie la verità più nascosta e profonda

Celestine da ragazza tranquilla ed educata, si vedrà costretta a tirare fuori le unghie e anche un caratterino peperino che io ho preferito al suo iniziale.

PhotoGrid_1473542965444

La sua intelligenza è qualcosa che la porterà lontano, che darà voce a persone che fino ad adesso sono state costrette a tacere, ma che sentendo una ragazza nemmeno maggiorenne predicare giustizia per altri essere umani, anche se a detta dello stato, FALLATI, farà si che il volume delle voci aumenterà. Quello che una volta ero brusio fastidioso diventerà il canto delle sirene. Io ho creduto fin da subito in questo romanzo, dalla prima lettura della trama, e ho avuto piena ragione.

La mia condizione di Fallata mi rende meno umana agli occhi degli altri. Mi si può fissare, si può parlare di me come se non esistessi.

Avete voglia di leggere un libro distopico diverso? Volete finalmente cambiare genere? LEGGETELO!

Un libro che si prende la sua calma, ma che ti fa godere di ogni sua pagina, ogni sua parola. Sarò la prima in fila davanti alla libreria per ottenere la mia copia cartacea, e attenderò con molta ansia il libro seguente della serie, che spero De Agostini porti al più presto. Cosa attende Celestine nella prossima avventura? Lo voglio sapereeee, adesssoooo!

«Tu sei ciò di cui il movimento ha bisogno, Celestina. Ma ricordati una cosa: tu non hai bisogno di loro. Non permettere che ti usino.»

cuorecuorecuorecuorecuore-e1431760652496 Assolutamente colpevole, quasi condannato a vita!

Baci, Rossella.

Precedente Recensione in Anteprima ''TURBULENCE'' di Whitney G. Successivo Recensione in Anteprima "The Protector" di J.E.Malpas