Recensione “La voce nascosta delle pietre” di Chiara Parenti

Ciao a tutti amici lettori…

oggi Alessandra, ospite del nostro blog, ci parla di un libro Made in italy edito Garzanti e uscito il 12 gennaio: “La voce nascosta delle pietre” di Chiara Parenti.

Buona lettura ☺.

Titolo: La voce nascosta delle pietre Autore: Chiara Parenti Editore: Garzanti Pubblicazione: 12 gennaio 2017 Pagine: 383 Prezzo: ebook €9,99 | cartaceo €16,90

Luna era una bambina quando il nonno le ha insegnato che l’agata infonde coraggio, l’acquamarina dona gioia e la giada comunica pace e saggezza. Ma ora che ha quasi trent’anni, lei non crede più che le pietre possano aiutare le persone. Non riesce più a sentire la loro voce. Sono solo sassolini colorati che vende nel negozio di famiglia. Perché il suo cuore porta ancora i segni della delusione: molti anni prima si è fidata di Leonardo, che attraverso le pietre le parlava di sentimenti, ma una notte lui l’ha abbandonata senza una spiegazione, senza una parola. E da allora il mondo di Luna è crollato. Fino ad adesso. Fino al ritorno di Leonardo nella sua vita. È lì per darle tutte le risposte che non le ha mai dato. Risposte che Luna non vuole più ascoltare. Ma suo nonno è accanto a lei per ricordarle come trovare conforto: le pietre conoscono la strada, basta avere il coraggio di seguirle.

Luna è la protagonista di questo travolgente romanzo italiano. Cresciuta con una mamma single e il suo saggio, amorevole e avventuroso nonno Pietro, che sin da quando era piccola, le trasmette la sua passione ed il suo dono: la conoscenza ed il “sentire” la voce silenziosa delle Pietre. All’età di otto anni Luna conosce quello che diventerà il vero amore della sua vita: Leonardo. Per uno scherzo del destino il loro amore si materializzerà assieme al padre di Leonardo, uscito di prigione, che sarà artefice di quello che stravolgerà e allontanerà i protagonisti fino a che l’astuto e saggio nonno Pietro innescherà un piano per far di nuovo brillare assieme i suoi “diamanti”… Leonardo e Luna.

Inizio col dirvi che finalmente leggo una storia d’amore con una protagonista Donna con la D maiuscola perché, anche se inizialmente la scrittrice la descrive insicura, non troppo bella e con le solite noiose fissazioni e insicurezze delle protagoniste dei romanzi, che spesso mi capita di leggere e che mi fanno “Alzare gli occhi al cielo”, con il proseguo della storia diventa forte e sicura di sé e con una consapevolezza dei propri obiettivi e sentimenti! Ho adorato la figura del nonno materno Pietro sempre saggio, paziente, amorevole e innamorato del vero Amore, e mi è piaciuto ancora di più quando ha rivelato e presentato a sua nipote Luna la donna che ha rubato il suo cuore e la sua anima quando era un giovane cacciatore di gemme.

Questo libro mi ha attirato come una calamita sin dalla copertina e non si è smentito fino all’epilogo. Ogni capitolo inizia con la descrizione di una pietra preziosa che anticipa in qualche modo quello che poi avverrà nel racconto. Mai noioso, pieno di sorprese e soprattutto mi ha fatto venir voglia di possedere una gemma! Non ho gradito molto una linea temporale altalenante perché secondo me stressa troppo il lettore e lo distrae dalle emozioni che deve trasmettere Il libro, e la figura assillante di Giulio, il fidanzato di Luna, che fino alla fine si intestardisce a tenersi stretta la protagonista che è palesemente con il cuore e gli occhi rivolti solo a Leonardo.

Nonostante ciò, per me merita 4 cuori.

Baci, Alessandra.

Precedente Recensione "Jonas e Viridiana. Il cuore d'inverno" di Francesca Cani Successivo Recensione "Carve the Mark" di Veronica Roth